The Lab's Quarterly, 2008, n. 1

Page 150

Il Trimestrale. The Lab's Quarterly, 1, 2008 150

ca e dall’emarginazione. I ragazzi delle attuali generazioni sono cresciuti con l’idea che la figura del “drogato” fosse del tutto assimilabile a quella dell’eroinomane, potrebbe essere questa la spiegazione del perché l’eroina abbia ricevuto la maggiore percentuale di risposte affermative. Grafico 1: Distribuzione sulla percezione delle sostanze stupefacenti (cannabis, ecstasy, cocaina, eroina, alcool e tabacco) come droghe.

500 400 300 200 100 0 Cannabis

Ecstasy, lsd, anfetamine

Cocaina

Eroina

Alcool, tabacco

si

243

393

425

430

11

no

193

43

11

6

425

Sono state prese in considerazione dagli studenti anche altre droghe, in una percentuale minore, che meritano ad ogni modo di essere menzionate; si tratta di droghe di derivazione chimica quali popper, chetamina, funghi allucinogeni, adrenocromo, mescalina, micropunte e etere. La maggior parte di esse sono allucinogeni e come tali favoriscono una distorta percezione della realtà. Il popper, segnalato più volte, è una sostanza che si assume per inalazione ed il cui effetto dura 30-40 secondi. Scoperta negli ambienti omosessuali, è ormai entrata nel consumo di giovani soggetti eterosessuali, perdendo, pertanto, il suo utilizzo caratteristico che era quello di favorire la penetrazione anale nel rapporto omosessuale grazie alla sua capacità vasodilatatrice, ed essere oggi consumato per una pura motivazione mondana. La maggior parte del campione considera tutte le droghe come peggiorative, ovvero con risvolti negativi nell’ambito dello studio, così come nel lavoro, nell’attività sessuale e nella socializzazione.


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.