The Lab's Quarterly, 2008, n. 1

Page 52

Il Trimestrale. The Lab's Quarterly, 1, 2008

52

daria, ma che anzi rappresenta l’equilibrio perfetto tra il “solitario funzionale” 9 e il complesso della società che lo circonda. La conoscenza storica presta il fianco molto facilmente a distorsioni di tipo conoscitivo, in quanto consta di messaggi che possono subire delle perturbazioni causate dal trasmettitore del messaggio che, influenzato da alcune variabili del suo tempo, può inavvertitamente creare delle situazioni in cui ad un determinato concetto o esperienza possono rispondere determinate conclusioni inadeguate. Kubler nello sforzo di dare vita ad una analisi che sia innovativa dal punto di vista epistemologico, associa il trasmettitore e il ricevente del messaggio definendoli relè. Tale associazione di due elementi tra loro tanto differenti è motivata dal circolo che si innesta tra trasmettitore e ricevente. Si crea, infatti, un processo che porta il ricevente ad essere trasmettitore in una fase successiva e quindi ad implementare, sino all’assurdo, determinate distorsioni, che saranno poi considerate nella storia come delle verità assolute. Il modo per cercare di limitare il più possibile le distorsioni dei relè, è quello di considerare la storia come una serie di sequenze formali. Con sequenza formale occorre intendere in prima analisi «una rete storica di ripetizioni gradualmente modificate di uno stesso tratto»10. In altre parole, quello che propone l’autore come soluzione epistemologica, è di accomunare ed analizzare di conseguenza nel loro insieme, le risposte dell’uomo, concretizzate in invenzioni, per soddisfare un determinato bisogno o fronteggiare un determinato problema. In seconda analisi, occorre distinguere tra oggetti primi e repliche, ossia tra opere originali e duplicazioni che s’ispirano all’opera prima, delimitando una serie. La nostra conoscenza della serie è intrinsecamente legata alla conoscenza degli oggetti primi e delle loro duplicazioni; sappiamo che in tutti i momenti critici e di mutamento ogni singola classe della sequenza ha come risposta la creazione di un oggetto primo e quindi di una nuova serie. Con questo livello di analisi ciò che si ottiene è un panorama frammentato sulle idee delle cose che non spiega il processo che sfocia nella creazione di un oggetto primo e dei suoi duplicati.

9

G. Kubler, “La forma del tempo”, op. cit., p. 66 Ibid., p. 48

10


Millions discover their favorite reads on issuu every month.

Give your content the digital home it deserves. Get it to any device in seconds.